La storia

La Grande Stufa, centrale Villa GuardiaFondata nel 2007 dall'Amministrazione comunale di Villa Guardia insieme alla Federazione Provinciale Coldiretti di Como e Lecco e alla società Biocalore s.r.l., La Grande Stufa s.r.l. nasce con lo scopo di promuovere, realizzare e gestire una centrale di co-generazione e teleriscaldamento a biomassa vergine al servizio dell’abitato di Villa Guardia.

Nel protocollo d'intesa sottoscritto dai soci nel febbraio 2007, ogni componente prendeva l'impegno, entro maggio 2007, di verificare la reale fattibilità tecnica, economica, sociale ed ambientale dell’iniziativa.

Queste le attività messe in atto per verificare la fattibilità dell'opera:

  1. studio, censimento e definizione delle quantità di biomassa presente sul territorio provinciale. Lo studio si è chiuso con la definizione di quantità, aziende disponibili alla partecipazione e prezzi di ciascun tipo di biomassa (legno in stanga, residui da  ramaglie di bosco, potature pubbliche e private, coltivazioni dedicate tipo sorgo, myscanto, ecc.);
  2. studio, censimento e grado di adesione presso le circa 3.000 famiglie del comune di Villa Guardia. Il censimento si è concluso con la manifestazione di interesse di circa 600 utenze (case singole e condomini) pari a circa il 50% delle famiglie residenti;
  3. dimensionamento tecnico e prima ipotesi della centrale di produzione e della rete di distribuzione del calore per un investimento iniziale stimato in circa 15 milioni di euro;
  4. verifica presso la Provincia di Como della compatibilità dell’iniziativa con tutti gli strumenti di pianificazione esistenti (Piano territoriale di Coordinamento, Piano Energetico Provinciale, ecc.);
  5. verifica presso i maggiori istituti bancari presenti sul territorio della finanziabilità dell’operazione e della validità del Piano Industriale 25-ennale. Il Piano, che definisce le strategie della società, i mezzi economici per attuare l’attività e le tariffe, è stato ritenuto idoneo da tutti gli istituti contattati.

Forte dei dati raccolti, il 18 dicembre 2007 La Grande Stufa s.r.l. ha presentato alla Provincia di Como (Settore Ecologia ed Ambiente) il progetto definitivo della centrale ed alla Regione Lombardia il progetto definitivo della rete di teleriscaldamento, dando così avvio ufficiale al progetto. Nel corso dell’anno 2008 la compagine societaria si è poi allargata al Consorzio Energia e Natura (aziende agricole produttrici) ed al Consorzio Libra Società Cooperativa.

Nell'anno 2010 la Grande Stufa S.r.l. ha assunto l'assetto attuale con l'ingresso de "Il Cippatore S.r.l.", società costituita da aziende agricole locali attive nel settore delle biomasse.

Ad inizio 2014, infine, l'apertura a nuovi soci (privati cittadini), ha ulteriormente allargato l'asset sociale.